Durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo

COSA ACCADE se SMETTI di FUMARE

Ataraks a delirium tremens

Non esiste il metodo migliore in assoluto per smettere, perché nessun fumatore è uguale a un altro, anche se esistono alcune regole durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo e alcuni aiuti farmacologici che possono essere considerati come un ausilio nella lotta contro il fumo.

La prima cosa da fare è capire che smettendo di fumare non si perde nulla, anzi si guadagna molto. Inoltre è meglio farsi aiutare dal medico nella scelta del metodo più opportuno e per trovare il mezzo scientifico appropriato come terapia sostitutiva della nicotina. Chi decide di smettere deve certo affrontare alcune inevitabili conseguenze come le crisi di astinenza o l'aumento di peso, ma il tempo e la perseveranza aiutano a superare le difficoltà.

Quando smettiamo di fumare all'improvviso succede che i recettori della nicotina si ritrovano "disoccupati" e questo da inizio alle crisi di astinenzale cui manifestazioni possono essere:.

Il fumo porta a un calo di peso di circa 3,5 Kg nel fumatore, infatti chi smette di fumare generalmente tende a ingrassare, anche se questo non è vero per tutti, infatti c'è chi non è aumentato e chi addirittura è dimagrito.

L'aumento di peso si aggira intorno ai 3 o 4 Kg nel primo anno, ma in seguito i chili presi tendono a sparire. Le cause della tendenza a ingrassare sono da ricercarsi nella riorganizzazione del metabolismo, che nel fumatore risulta essere accelerato con un conseguente consumo straordinario di calorie. Seguire un'alimentazione corretta aiuta molto ad evitare i chili di troppo e a controllare lo stimolo accresciuto della fame dopo che si smette di fumare.

L'apice della voglia di fumare viene raggiunto dopo circa un giorno di astinenza dalla nicotina. Fortunatamente la crisi dura solo un giorno o due, ma il desiderio di fumare perdura per diversi giorni, diradandosi lentamente ma sempre di più. Nel giro di 2 o 3 settimane i sintomi tendono a sparire, ma naturalmente la loro durata dipende dal grado di dipendenza del soggetto. Lentamente la dose di nicotina viene diminuita e altrettanto lentamente diminuiscono i sintomi della dipendenza.

Naturalmente nessuno di questi prodotti permette di raggiungere durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo concentrazione di nicotina che si verifica fumando la sigaretta e quindi non si ottiene certo lo stesso piacere.

Associando 2 di questi preparati si è visto che il risultato migliora e sembra che sia più facile smettere di fumare. Tutti questi metodi sono sconsigliati alle gestanti, alle donne che allattano, a chi soffre di patologie cardiache o vascolari, ma non sono del tutto controindicati, perché ancora più dannoso è il fumo e ogni tentativo di sospenderlo è positivo.

Esistono anche spray nasali, prodotti per l'aerosol, capsule che vengono utilizzate per introdurre la nicotina utile a sostituire quella delle sigarette. Pubblicità Un nemico della lotta contro il fumo è la pubblicità con i trucchi e le strategie sponsorizzate dall'industria delle sigarette per conquistarci come clienti.

E' triste dover dire che, essendo elevata la mortalità fra i fumatori, oltre al numero di persone che riescono a smettere, i produttori devono cercare di reclutare sempre nuovi clienti durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo devono tenere vivo il vizio del fumo nei fumatori. L'industria del tabacco ha costi elevati e spende ogni anno miliardi per la pubblicità senza mai alludere ai danni e alle conseguenze per il fumatore.

Oggi ci sono delle leggi che limitano la possibilità dell'industria di pubblicizzare il loro prodotto, ma le strategie usate riescono a superare i divieti e a raggiungere comunque i fumatori ai quali arrivo un messaggio falso e ben studiato.

Le avvertenze di pericolosità, di rischio di cancro, di pericolo di morte o di malattie gravi o letali che sono state obbligatoriamente fatte scrivere sui pacchetti di sigarette non si sono dimostrati molto efficaci e lo Stato da una parte sostiene la campagna contro il fumo e dall'altra continua a incassare le tasse sul tabacco e a sostenere finanziariamente le coltivazioni europee.

Altri avvertimenti sul giusto modo di fumare, sul fumo leggero hanno spinto i fumatori a pensare che la sigaretta light non fosse dannosa.

Questa è sbagliato, anche perché spesso chi sceglie questo tipo di sigaretta aumenta di conseguenza il numero totale fumato giornalmente, fa inalazioni molto profonde e annulla gli eventuali vantaggi determinati da un basso dosaggio di nicotina. Questa è la situazione che una persona che decida di smettere di fumare deve affrontare. Ecco quindi che è evidente l'importanza di un piano d'azione determinato e deciso.

La volontà determinata associata a un programma di intervento e di supporto sono le armi vincenti in questa lotta. Sarebbe meglio comunicare a tutti l'intenzione di smettere, accettare scommesse sulla riuscita, disabituarsi lentamente e progressivamente alla nicotina e dimostrare ai conoscenti e parenti quanto sia ferma e salda la decisione presa.

Alcuni trucchi possono aiutare nei momenti di crisi. Ci sono persone che trovano un aiuto bevendo liquidi non troppo calorici quando sentono il desiderio di fumare, altre che sostituiscono l'uso di caffè con il te onde evitare la classica associazione con la sigaretta e altri che preferiscono masticare gomme e succhiare caramelle senza zucchero o acidule per contrastare la voglia di fumo.

Sono da evitare le bevande alcoliche, la permanenza eccessiva a tavola e tutte quelle abitudini che stimolano il desiderio di accendere la sigaretta. Certamente è utile farsi aiutare dai vari possibili metodi o trattamenti di sostegno. Molte sono le vie da seguire per ottenere un successo dalla terapia respiratoria a quella del sonno, dalla meditazione allo yoga, dal cerotto al surrogato di sigaretta e tutte aiutano la persona a trasformarsi in un ex fumatore.

Il fumatore che voglia liberarsi dal vizio deve conoscere tutti i principali metodi esistenti, perché oggi medici, psicologi, terapeuti comportamentali, guaritori e, a volte, ciarlatani propongono sistemi di disintossicazione. Esistono dei corsi di disavvezzamento al fumo, in cui ci si incontra settimanalmente, che offrono più metodi di lotta, la possibilità di scambio comune di esperienze, di training autogeno, di abolizione dello stress, di rilassamento muscolare.

Quando finalmente si smette di fumare, la lotta non è ancora terminata, perché l a tentazione di riprendere e le probabilità di ricadute sono costanti che accompagnano l'ex fumatore per un tempo più o meno lungo.

Le principali situazioni che facilitano le ricadute, e che devono essere evitate, sono quelle che prima stimolavano il desiderio maggiore di fumo. Esistono 4 strategie antiricaduta:.

Se proprio non si riesce a uscire da questa dipendenza, sarebbe opportuno cercare di fumare in modo diverso. La cataratta è la malattia oculare più conosciuta nell'anziano, ma ci sono altre patologie che, se non riconosciute e curate in tempo, possono portare alla cecità. Glaucoma e retinopatia diabetica, per esempio, possono essere trattate a seguito di una tempestiva diagnosi fatta Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti seppur più rumorosi flipper.

Che celebriamo qui. Novità Bio-mex Formato Maxii!! Vuoi saperne di piu' su qualche tuo disturbo? Consulta le schede di Benessere. IPrincipali argomenti di medicina preventiva. Il giusto stile di vita e i controlli periodici da effettuare. Ci sono delle abitudini, dei piccoli piaceri, che sembrano provocare benessere, ma Salute Le malattie oculari nell'anziano: riconoscere e curare glaucoma, retinopatia, degenerazione maculare.

Salute Le anomalie vascolari. Vertical Booking S. In evidenza:. Le tue analisi. Come respiri? Articoli vari. Disturbi e malattie. Sui tumori. Atlante anatomico. Salute dentale. COME SMETTERE Non esiste il metodo migliore in assoluto per smettere, durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo nessun fumatore è uguale a un altro, anche se esistono alcune regole generali e alcuni aiuti farmacologici che possono essere considerati come un ausilio nella lotta contro il fumo.

La gomma da masticare E' stata la prima ad essere messa in commercio. Una certa quantità di nicotina contenuta nella gomma viene assorbita dalle mucose della bocca, passa nel sangue e in pochi secondi raggiunge il cervello dove esercita i suoi tipici effetti. Le gomme sono vendute in farmacia e sono disponibili in dosaggi da 2g e da 4g, di nicotina, a secondo del tipo di fumatore. Possono causare alcuni inconvenienti come irritazione, nausea o dolore ai muscoli deputati alla masticazione.

I cerotti transdermici Sono costituiti da uno strato esterno impermeabile, da un falda intermedia contenente nicotina e da uno strato adesivo che viene a contatto con la pelle, fondamentale per il passaggio della nicotina dalla cute al sangue.

Con questo tipo di assorbimento la nicotina viene metabolizzata più lentamente, mantiene concentrazioni stabili nell'organismo e crea soltanto durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo fastidi come lievi irritazioni cutanee.

I vantaggi di questo metodo sono la facilità di impiego, la discrezione dell'utilizzo e il numero limitato di cerotti usati, cioè uno al giorno. Esistono cerotti a dosaggi diversi, alcuni sono da portare durante la giornata e altri da portare sia di giorno che di notte.

Sono particolarmente indicati per il fumatore moderato, con un consumo inferiore al pacchetto di sigarette al giorno. Il trattamento deve continuare per mesi, si inizia con cerotti contenenti una quantità di nicotina pari a 15 sigarette, poi si durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo progressivamente il dosaggio.

Ogni cerotto deve essere applicato su un area diversa di pelle o sul braccio, sul fianco o sulla schiena. Il bocchino inalatore E' un metodo introdotto ultimamente ed è il sistema che più assomigli alla sigaretta.

E per questo aiuta molto anche a superare la dipendenza psicologica del fumo. All'interno del bocchino c'è una cartuccia contenente nicotina, che in seguito all'inspirazione, viene assorbita dalla mucosa della bocca senza raggiungere i polmoni. Il numero utilizzabile nella giornata varia in base alla dipendenza fisica e psicologica del fumatore, ma in genere si usano da 6 a 12 bocchini al giorno.

Deve durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo prescritto dal medico e potrebbe essere utilizzato da quei fumatori che hanno inutilmente provato con gli altri metodi.

Anche in questo caso l'efficacia è aumentata dall'associazione del farmaco con altri metodi, per esempio con il cerotto. Alcuni medici prescrivono la cloridrina, farmaco che abbassa la pressione ma che grazie alla sua azione centrale opposta a quella dell'adrenalina viene utilizzato nella cura delle tossicodipendenze, perché riduce i sintomi di astinenza.

E' in studio l'efficacia di altre sostanze farmacologiche, utilizzate oggi nella cura di altre dipendenze, ma mancano ancora risultati certi. Alcuni ricercatori, infine, cercano di dimostrare l'efficacia di un farmaco antiepilettico nei confronti della riduzione del desiderio di nicotina e, quindi, della voglia di fumare. Agopressione Tecnica basata sul massaggio leggero in alcuni punti, aiuta, almeno durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo, a resistere alla tentazione di ricaduta.

La terapia si prefigge lo scopo iniziale non tanto dell'astinenza quanto dell'autocontrollo, con il risultato finale di fumare un numero di sigarette durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo tra 5 e 10 giornaliere.

Ipnosi Viene applicata sia in forma unica, come eteroipnosi, che in ipnosi attiva graduale in almeno 10 sedute. Naturalmente la persona alla quale ci si rivolge deve essere esperta e in grado di eseguire l'ipnosi, perché in circolazione ci sono molti ciarlatani che cercano solo un facile guadagno promettendo chissà quali risultati. Training durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo Se alla base del fumo c'è lo stress eccessivo, facilmente la soluzione del problema è nel training autogeno o nei vari metodi di rilassamento, come quello muscolare progressivo, che aiutano a superare la crisi.

Omeopatia - fitoterapia Vengono in supporto alla voglia di smettere con il fumo utilizzando rimedi che lentamente aiutano il fumatore a disabituarsi dalla dipendenza. Dieta e fumo Dietro la difficoltà nel dire addio alle sigarette c'è spesso la paura di ingrassare.

E in effetti la nicotina, un alcaloide facilmente assorbito dall'organismo che induce dipendenza e altri Durata di una sindrome di astinenza a rifiuto di fumo sigaretta elettronica: luci ed ombre per la salute La sigaretta elettronica, o e-cigarette, è un oggetto estremamente semplice nella forma, e anche nel funzionamento, che sta rivoluzionando la vita dei fumatori e sta creando non poche polemiche e Benessere TV Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness.

Guarda tutti i video di Benessere tv. Shopping Viaggi Offerta del mese. Biochef Axis Cold! Il Meglio a Poco Prezzo! BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.

Robot da cucina: fa pasta spaghetti e noodlesbaguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!

BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.